Nato in Belgio nel 1961 come fondo privato della famiglia Piccinni, dal 2022 il Fondo Niccolò Piccinni è un ente riconosciuto nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) che persegue lo scopo principale di conservare, valorizzare e tutelare il patrimonio piccinniano nel mondo.

Il fondo storico è costituito in gran parte da partiture, spartiti, libretti, documenti, oggetti di vita quotidiana, monete, medaglie, incisioni, biografie, lettere e autografi del grande compositore del Settecento Niccolò Piccinni e del nipote Louis Alexandre.
Ad esso si sono aggiunti nel corso del tempo le donazioni da parte di benefattori, tra cui preziose edizioni a stampa delle opere del musicista, in partitura, ma soprattutto in riduzione per canto e pianoforte, volumi biografici, registrazioni discografiche e libretti di opere piccinniane eseguite nel novecento.

Dalla sua fondazione ha organizzato in proprio ed in collaborazione con altre istituzioni pubbliche e private, in Italia e all’estero, manifestazioni musicali, incontri con il pubblico, incontri didattici e mostre al fine di sostenere la cultura musicale attraverso l’erogazione di contributi. Le donazioni sono state destinate al recupero del patrimonio piccinniano, allo studio ed alla formazione di talentuosi giovani musicisti e cantanti meno fortunati; si stima che attraverso le attività benefiche svolte dal Fondo, dal 1967 ad oggi, siano state assegnate oltre 100 borse di studio.

Il Fondo consegna ogni anno un prestigioso riconoscimento denominato Premio Piccinni che viene attribuito annualmente ad un’eccellenza distintasi principalmente nel campo professionale lirico, musicale e teatrale internazionale durante una cerimonia presieduta dalla famiglia Piccinni.

La sede istituzionale del Fondo è collocata a Castelnuovo del Garda (VR).